Approfondimento su Bellissime di Flavia Piccinni
Amici Libri

Un approfondimento su Bellissime di Flavia Piccinni

Dopo aver letto Bellissime. Baby miss, giovani modelli e aspiranti lolite, non dirò più a Francesco “amore mio quanto sei bello.”. L’ho sempre fatto senza secondi fini, perché non ho mai vissuto l’estetica come l’occasione per apparire. Eppure sono una mamma che utilizza i social e la rete per raccontare la maternità. Posto foto dei miei figli, catturo attimi di vita e abbino alle parole delle mie storie immagini del quotidiano, che diventano pubblici proprio con la messa online. Non ho secondi fini, dicevo, nel senso che vivo il blog come uno spazio per raccontare il mio essere mamma, per fare storytelling come lo so fare.

A tratti sono smielata, a tratti malinconica. Uso l’ironia per raccontare i difetti di Francesco. Scelgo sempre le parole con cura e le immagini sono solo un contorno da aggiungere alle parole. Spesso sono proprio le immagini ad aiutarmi con quello che voglio raccontare ma mai una foto di Davide e Francesco ha un obiettivo se non quello comunicare uno stato emotivo. Non c’è voglia di strumentalizzare i ricordi o di mettere in piazza i miei figli per ricevere attenzione.
Comunico perché lo faccio per lavoro ed è l’unica cosa che nella vita mi risulta naturale.
Comunico con parole e immagini perché mi riempie di serenità.

Ho un concetto di bellezza che non ha nulla a che vedere con le baby miss descritte in Bellissime di Flavia Piccinni. E oggi che sono mamma di 2 figli maschi, ma spero che il futuro mi riservi di esserlo anche di una bambina, non so come mi comporterei con una LEI ma solo perché non è ancora nata. Per il resto farei le stesse scelte di oggi con Davide e Francesco, l’educherei senza differenze di genere. Perché gli schemi limitano la libertà di pensiero e i bambini devono crescere in un ambiente sano, pulito.

Che cosa mi ha lasciato questo saggio-inchiesta

Questo libro mi ha turbata in tutto quello che racconta. Non conoscevo nulla di questo mondo paillettato di baby lolite con mamme che ricercano una riscossa sociale. E loro, le mamme che strumentalizzano i loro figli per metterli in mostra, mi danno la nausea.
Questo  desiderio di far partecipare le loro figlie (e figli) ai concorsi di bellezza con la speranza che vincano, questi genitori che si azzuffano se non prendono un premio, mi danno un senso di disagio sociale preoccupante.
Sono famiglie che spendono 500 euro per book fotografici pur essendo operai senza soldi, che girano l’Italia in due giorni per partecipare a un casting. Sono mamme che parlano delle loro figlie come oggetti. Lo trovo terribile ma purtroppo reale.
Immaginavo esistesse un mondo così, in cui l’ostentazione – la gara – è diventata indispensabile, soprattutto per i genitori, ma non immaginavo che fosse a questi livelli. In America il fenomeno è talmente ridicolo che ci sono mamme che crescono le loro figlie con dei dettami da seguire fin da piccole: sedute abbronzanti, appuntamenti dal parrucchiere e look curati nei dettagli. Al culto della bellezza si aggiunge il desiderio di vittoria, che fa rima con un premio in denaro. Insomma, un mondo su cui c’è tanto da scavare e di cui vorrei parlare ancora.
Ho trovato Bellissime di Flavia Piccinni un’inchiesta utile a farmi scoprire tutto lo sporco che può nascondere una foto studiata a tavolino.

Leggete anche voi Bellissime. Baby miss, giovani modelli e aspiranti lolite di Flavia Piccinni per ascoltare la voce delle mamme che hanno scelto di entrare a far parte di questa vita, chi ha deciso di tirarsene fuori e chi la critica ma ne vorrebbe far parte. Leggetelo per riflettere su che cosa significhi comunicare con un pubblico che legge, ascolta, parla. Che aspetta le vostre foto, che commenta ciò che condividete e che se vi segue, lo fa perché vi trova vere e si immedesima in voi, senza pensare a pose costruite in una cucina tirata a lucido, in location perfette o con scatti sempre instagrammabili.

SCHEDA LIBRO: 

AUTRICE: Flavia Piccinni
TITOLO: Bellissime. Baby miss, giovani modelli e aspiranti lolite
EDITORE: Fandango Libri 
PAGINE: 200
ISBN: 978-8860445087

Previous Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply