Browsing Category

Parole di mamma

Le distanze e il senso di appartenenza che ti salva
Parole di mamma, Vita da mamma

Quando il senso di appartenenza ti salva la vita

Sono abituata alla solitudine, a non vedere la mia famiglia, a godere delle piccole cose della giornata nei miei spazi. Amo la casa che abbiamo, in cui a piccoli passi abbiamo messo parti di noi. Ce la siamo sempre goduta, con un’illustrazione che abbiamo fatto realizzare e abbiamo appeso dopo anni e pareti vuote, con quadri che mi ricordano i nostri viaggi.
Abbiamo una casa semplice ma arredata con il nostro gusto e in questo nostro mondo abbiamo realizzato uno studio per il mio lavoro, una cameretta per far giocare i bambini e inserire tutte le macchine di Francesco. Ogni oggetto della nostra casa è vissuto e amato ed è anche per questo che qui, chiusa per obbligo, non sto male. Penso a tutte quelle famiglie che hanno arredato solo per sfarzo o per avere la casa perfetta ma magari stanno fuori tutto il giorno, escono a passeggiare, vivono un quotidiano poco sentito. Non godono delle piccole cose, non si aggrappano con amore a ogni oggetto che fa parte della loro vita, per abitudine, cultura, modo di vivere o per qualsiasi altra ragione che io non posso conoscere.

Continue Reading

14 giorni di quarantena da covid19 con due figli piccoli
Parole di mamma, Vita da mamma

Le nostre vite stravolte in 14 giorni di quarantena da covid19

Mamma, mamma, guarda, c’è una nuvola grigia: è il coronavirus!

Francesco parla del coronavirus senza sapere bene di che cosa si tratti. Estrapola pensieri, voci ed emozioni che sente al TG o dai nostri discorsi ed è anche per questo che dopo lo shock iniziale, da qualche giorno abbiamo iniziato a parlarne meno.Si è ritrovato da un momento all’altro chiuso in casa, in un 5 marzo che forse ha già dimenticato ma che io sento dentro nel cuore.
Che cosa è successo? Mercoledì è andato a scuola come un qualsiasi giorno della settimana. Ha colorato il disegno per la festa del papà, ha recitato una poesia da imparare sempre meglio, ha giocato con i suoi compagni di classe e poi si è preparato per andare alla lezione di danza.
Non potevo dirgli che immaginavo fosse l’ultima lezione ma in verità avevo capito che avrebbero chiuso le scuole di tutta Italia. Lo dicevano da giorni le fonti non ufficiali, c’era nell’aria qualcosa di strano. Hanno sospeso lo spettacolo teatrale a scuola e le notizie in TV erano sempre più spaventose.

Continue Reading

Educare i bambini al dialogo
Parole di mamma, Vita da mamma

Perché educare i bambini al dialogo aiuta a costruire le basi di un rapporto di fiducia

Da piccola i miei genitori mi hanno abituata al dialogo in casa. È stato un passaggio graduale che mi ha permesso, una volta diventata grande, di raccontare, sfogarmi, parlare e vedere la famiglia come il punto di riferimento della mia vita, la spalla su cui ridere e piangere.

Di ritorno da scuola, fin dalle elementari, mi veniva sempre chiesto com’era andata la mattinata in classe, se c’erano stati dei conflitti, quali compiti dovevo fare per il giorno dopo. Non è mai stato un interrogatorio ma pranzo e cena erano destinati al dialogo. Era l’unico momento in cui potevamo esserci tutti e a tavola ma anche dopo pranzo si trascorreva molto tempo a raccontare gli episodi della giornata.
Questo approccio è andato avanti anche nell’adolescenza ed è capitato spesso di vedere mio padre e mia madre come due confidenti a cui raccontare un conflitto con un’amica o problemi a scuola che al solo pensiero, ancora oggi mi creano disagio.
Continue Reading

scegliere un corso di pilates per migliorarsi
Parole di mamma, Vita da mamma

Scegliere un corso di pilates per fare scoperte sull’anima

Ho sempre amato l’attività fisica. Dopo un passato con la danza latino americana da competizione, ho provato tante attività in palestra. Aerobica e step, corpo libero, zumba fitness. Poi mi sono trasferita in Sicilia e ambientarmi non è stato facile. Sono rimasta incinta e non sono stata capace di fare nessuno sport in gravidanza. È nato Francesco e mi sono cullata nella nuova vita da mamma, tra impegni e imprevisti, una carriera lavorativa da organizzare e i clienti che sono aumentati sempre di più.

Ho perso tutti i 9 kg della gravidanza, mi sono abituata a giornate piene e delle volte difficili. Sono rimasta di nuovo incinta e quando l’anno scorso è nato Davide, sapevo già che volevo ricominciare a fare sport e non per i chili presi, che erano anche questa volta 9, ma perché alla seconda gravidanza il mio corpo era cambiato.
Anche se sono energica e combattiva ogni giorno dell’anno, anche se amo camminare e qui dove vivo per scelta non ho un’auto, mi sono resa conto che il mio corpo stava chiedendo aiuto.
Aggrinzito e stanco, con una gran voglia di dimostrare quanto poteva ANCORA dare. È stato lui a dirmi di iscrivermi in palestra. I mal di schiena continui per le troppe ore al computer, i dolori al ginocchio, anche quello sano, mi hanno fatto prendere la decisione.

Continue Reading

essere una mamma felice
Parole di mamma, Vita da mamma

Il mio segreto per essere una mamma felice

Sono una mamma lavoratrice e ogni giorno cerco di far coincidere orari, impegni, scadenze.
Riesco a leggere diversi libri al mese ma mi sembra sempre troppo poco, esco con la famiglia e se capita anche con le amiche. Lavoro tanto in maniera disorganizzata e per ora mi accontento di quello che riesco a fare. Non mi sembra mai abbastanza, vorrei essere più concentrata, più attenta ai clienti, più precisa con le consegne.
Vorrei guardare un film dopo cena per spegnere la mente ma in casa non c’è mai silenzio.
Vorrei essere capace di separare il lavoro dalla vita privata ma cerco ancora di capire qual è il segreto per farcela per una mamma freelance che lavora da casa.
Vado a mille anche se non dovrei, riposo ogni giorno troppo poco rispetto a quanto chiede il mio fisico e il sonno da quando sono mamma è la cosa che mi manca di più della mia vecchia vita.

Continue Reading

la morte di mia nonna
Parole di mamma, Vita da mamma

Ciao nonna Velia. Ciao.

Di nonna bisaia ho un bellissimo ricordo. Abitavamo sopra la sua casa e con mio fratello passavamo ogni giorno a salutarla. Era una bisnonna buona nonna Maria, con quel suo sorriso senza denti che parlava senza dire e una faccia tonda pronta a guardarti nell’anima.

Era la nonna di mio padre ma per noi bambini era nonna bisaia, come si dice in Gallura. Credeva che fossimo maleducati perché cantavamo “Cacao meravigliao” e ci sgridava pensando che dicessimo le parole brutte.
Noi ridevamo e anche se glielo dicevamo più volte che era una canzone, lei non capiva e si arrabbiava ancora. Il nostro divertimento era girarle attorno, cantare e zampettare una canzone allegra che per lei era un’oscenità.

Continue Reading