All Posts By

Eleonora Usai

Giocare in soggiorno
Post sponsorizzati

Sistemare gli spazi in casa con i tavolini da soggiorno Songmics

Non sono una maniaca dell’ordine ma mi piace avere la casa presentabile. Da quando è nato Francesco ho capito che avere una casa ordinata era quasi impossibile e mi sono rassegnata. Prima i giochi sparsi per tutta la cucina, poi divisi tra zona giorno e cameretta.

Con dei bambini in casa mantenere l’ordine non è la cosa più semplice della giornata.

Ce la puoi fare ma devi passare molto tempo a riordinare sempre negli stessi punti, soprattutto cucina e soggiorno. Prendi un gioco, lo conservi nella scatola e tempo pochi minuti lo ritrovi che rotola per terra o sotto il tavolo, o incastrato dietro la tua schiena mentre tenti di sederti cinque minuti sul divano.

Continue Reading

il mio secondo parto naturale
Primi passi

Il mio secondo parto naturale: veloce, intenso e consapevole

Nessun parto è facile, non lo è stato nemmeno il mio, anche se è stato bello, molto bello. Nel mio secondo parto naturale ero lucida e consapevole, sapevo che era arrivato il momento e mi sentivo pronta per affrontare il momento.

Ho sofferto per le contrazioni e quando arrivavano pensavo di non farcela. Non le ricordavo così forti, mi hanno schiacciata. Poi ho capito che dovevo annientarle con il respiro e potevo farcela solo se mi concentravo.  Mi sono sentita persa in quella stanza da sola, senza un’ostetrica che mi assisteva, con nessuno che credeva che stavo per partorire il secondo figlio.

Continue Reading

Isola del Giglio con i bambini
Mamma travel, Parole di mamma

Isola del Giglio con i bambini: il nostro primo viaggio in 4

Quest’estate dovevamo fare un nuovo viaggio. Non avevamo prenotato (per fortuna!) ma avevo scelto la meta e pensato al periodo più adatto per la nostra mini vacanza.

Tornando spesso in Sardegna dalla nostra seconda famiglia, il primo pensiero per i viaggi è sempre la mia isola ma dopo tre giorni a Firenze, l’anno scorso quando Francesco aveva due anni, ci siamo promessi una gita annuale tutta per noi. Perché viaggiare ci piace da matti, perché fa crescere Francesco e la nostra famiglia. Perché viaggiare educa e porta un benessere a tutti e tre.

Continue Reading

primo giorno di scuola materna
Primi passi

Il primo giorno di scuola materna: pensieri di una mamma emozionata

Da un giorno all’altro ti svegli e vedi tuo figlio più grande. Temi che non sia pronto al suo primo giorno di scuola materna, ti chiedi come si comporterà, vivi quel momento come se dovessi esserci tu in prima fila.
Come ieri.
Come ieri al suo primo giorno di scuola materna.
Hai aspettato questo momento con curiosità mista a emozione, insicura su come potesse andare il primo incontro con questo nuovo cammino educativo.

Continue Reading

libro personalizzato per bambini-i miei numeri magici
Post sponsorizzati

Il libro personalizzato per bambini che conquista anche i genitori

Francesco è pronto per leggere storie da bambini grandi. L’ho capito con il passare dei giorni ma ho aspettato che fosse lui a chiedere di leggere I miei numeri magici, libro personalizzato  per bambini che racconta la storia della sua data di nascita.

Quando è arrivato a casa nostra ho provato a farglielo sfogliare ma mi sono accorta che non ne era attirato. Ora dopo giornate di letture ho deciso di rimetterlo in esposizione nella sua mini libreria. Ho aspettato qualche mese perché con i libri l’abbiamo fatto crescere ma per ogni storia c’è un periodo adatto, quello giusto, in base alla capacità di comprensione del bambino.
Vederlo sfogliare il libro de I miei numeri magici mi fa capire che ho fatto bene a conservare la storia fino a ora.

Continue Reading

il parto e la paura di partorire
Gravidanza, Terzo Trimestre

Non ho paura di partorire ma so che arriverò al parto impreparata

Il momento di affrontare il parto si avvicina ma non sono in ansia. Il coraggio non è un mia qualità e mi sono sempre sentita una donna con il panico da prestazione. Aggiungo a questo che la maternità mi ha reso ancora più sensibile di anni fa. Nonostante questo non ho paura di partorire perché so che rappresenta la fine di nove mesi con in pancia il mio bambino e il parto sarà il percorso da seguire per vederlo per la prima volta.
Quando arriverà quel momento, tra una contrazione e l’altra, troverò la forza di farcela, perché penserò che dolori e spinte mi porteranno alla fine di questo cammino difficile. E sì, i dolori saranno forti. Ne sarò sorpresa, come era capitato durante il travaglio con Francesco. So che penserò a quando finirà il mal di reni in cui sembra che ti stiano conficcando una spada dentro la schiena. E so anche che mi sentirò poco brava, inadatta a gestire la situazione; forse mi sentirò sola.

Continue Reading