fare la spesa con bambini
Parole di mamma, Vita da mamma

Fare la spesa con bambini è davvero possibile?

Francesco ama fare la spesa con il papà. Ora che ha tre anni e mezzo non è più una mission impossible, ma ammetto che quando era più piccolo ci sono stati dei giorni in cui avrei lasciato le buste al supermercato per tirare di peso Fra e portalo a casa.
La sua voglia di correre in ogni reparto, usare il carrello come se fossimo all’autoscontro, non stare vicino a noi che dovevamo scegliere cosa comprare. Insomma, fare la spesa insieme non era facile ma l’abbiamo sempre portato.

Sono convinta che i problemi vadano affrontati in ogni caso ed evitare di fare la spesa con bambini non è di certo la soluzione giusta per fargli capire che cosa si può fare e cosa no. Certo, si deve scendere a compromessi, utilizzare dei trucchi per distrarlo o per evitare confusione ma si può fare benissimo. I bambini hanno bisogno anche di fare cose nuove, di condividere con i loro genitori attività che li responsabilizzino già da piccoli. Noi ce l’abbiamo fatta e ora Francesco va a fare la spesa addirittura da solo con il padre senza che al papà gli vengano i capelli bianchi per quello che combina.

Continue Reading

Il magico natale di Folletto Dispetto
Amici Libri

Accendere la magia con Il magico Natale di Folletto Dispetto

A Francesco i dispetti piacciono. Gli piace farli e seguire quelli che fanno gli altri.
Ora che capisce il significato del termine, ride se crede di averne fatto uno e si diverte a pensarne di nuovi solo per vedere la nostra faccia stupita.

Per questo quando è arrivato in casa Folletto Dispetto ero felice. Folletto Dispetto è l’elfo aiutante di Babbo Natale raccontato nella storia di Giovanna Mantegazza, illustrato da Mesturini  ed edito dalla casa editrice La Coccinella.
Continue Reading

etichette personalizzate per la scuola Petit Fernand
Post sponsorizzati

Le etichette personalizzate per la scuola come soluzione pratica per le mamme

Ho la passione per etichettare ogni cosa. Amante della cancelleria fin da piccola, se a quei tempi ci fossero state le etichette personalizzate per la scuola, avrei speso ogni spicciolo dei miei risparmi per avere quaderni, penne e diario personalizzato. Le avrei attaccate ovunque, forse anche nel bicchiere di plastica che volevo fosse solo mio, senza che lo prendessero i miei fratelli.

Oggi è tutto più semplice. Basta cercare un’azienda che ti piace per avere in casa un set di etichette personalizzate per la scuola, proprio come le avresti volute tu quando eri piccola.
Personalizzi ogni cosa: il colore dell’etichetta, il font che trovi più spiritoso. Ci metti i disegnini, scrivi un testo a una o due righe. Etichetti lo zaino, il giubbotto o il grembiule che lasci a scuola, il set di posate per mangiare, la lunch box.
Oggi è davvero tutto diverso. Forse ci sono più esigenze di quando ero bambina io, o forse noi genitori abbiamo la sindrome del controllo mentre prima ci lasciavano più liberi e si fidavano di più. Non so se troverò mai una risposta a questa riflessione.

Continue Reading

essere mamma di due figli_gestire i bambini
Parole di mamma, Vita da mamma

Essere mamma di due figli è anche farsi forza da sola

Da quando sono diventata mamma di due figli la mia vita è cambiata in diverse cose. Davide non ha stravolto la nostra routine come pensavo ma ci sono dei giorni impegnativi in cui vorrei tanto sapere qual è la soluzione migliore per gestire due figli senza farti prendere dallo sconforto.

Nei giorni no mi domando se l’impegno più grande è allattare Davide anche ogni due ore oppure contrastare le prese di posizione di Francesco.

In questi due mesi da mamma di due figli, purtroppo i capricci di Francesco sono aumentati. Non so se il suo comportamento è dato dall’arrivo di Davide ma poco importa, perché non sono disposta a cedere ai suoi capricci. Lo bacio e lo coccolo in continuazione, lo perdono per le sue marachelle da bambino. Lo ascolto e cerco di dargli più attenzioni possibile, in linea con il mio essere mamma lavoratrice che lavora da casa e vive le sue giornate a mille sempre.

Continue Reading

Giocare-in-soggiorno
Post sponsorizzati

Sistemare gli spazi in casa con i tavolini da soggiorno Songmics

Non sono una maniaca dell’ordine ma mi piace avere la casa presentabile. Da quando è nato Francesco ho capito che avere una casa ordinata era quasi impossibile e mi sono rassegnata. Prima i giochi sparsi per tutta la cucina, poi divisi tra zona giorno e cameretta.

Con dei bambini in casa mantenere l’ordine non è la cosa più semplice della giornata.

Ce la puoi fare ma devi passare molto tempo a riordinare sempre negli stessi punti, soprattutto cucina e soggiorno. Prendi un gioco, lo conservi nella scatola e tempo pochi minuti lo ritrovi che rotola per terra o sotto il tavolo, o incastrato dietro la tua schiena mentre tenti di sederti cinque minuti sul divano.

Continue Reading

il mio secondo parto naturale
Primi passi

Il mio secondo parto naturale: veloce, intenso e consapevole

Nessun parto è facile, non lo è stato nemmeno il mio, anche se è stato bello, molto bello. Nel mio secondo parto naturale ero lucida e consapevole, sapevo che era arrivato il momento e mi sentivo pronta per affrontare il momento.

Ho sofferto per le contrazioni e quando arrivavano pensavo di non farcela. Non le ricordavo così forti, mi hanno schiacciata. Poi ho capito che dovevo annientarle con il respiro e potevo farcela solo se mi concentravo.  Mi sono sentita persa in quella stanza da sola, senza un’ostetrica che mi assisteva, con nessuno che credeva che stavo per partorire il secondo figlio.

Continue Reading