Browsing Tag

mamma e società

rescere mio figlio con naturalezza
Parole di mamma, Vita da mamma

Non ho nessuna fretta di veder crescere mio figlio

Qualcuno potrebbe pensare che voglio far crescere mio figlio troppo in fretta, ma sbagliano. Non ho nessuna fretta, sono riflessiva e fifona anche come madre; lascio libero Francesco di vivere tutte le sue prime volte.
Non ho adottato nessuna strategia educativa, non ho pensato molto a come educare mio figlio. Ho vissuto insieme a lui tutte le esperienze di crescita, ho sbagliato tanto e alcune volte sono riuscita a fare bene; ho sempre agito con il cuore.

Continue Reading

bambini-e-ludoteca
Primi passi

Bambini e ludoteca: la prima ora di Francesco

Di bambini e ludoteca: l’egoismo di una mamma colpisce ancora ma alla mamminite acuta c’è comunque rimedio.

Finalmente mi sono decisa e ho portato Francesco alla ludoteca. Sono passati dieci mesi e ogni volta ho rimandato con scuse futili. Il tempo è brutto e non voglio che si ammali (però uscivamo sempre anche con la pioggia). Ancora è troppo piccolo per stare lontano dalla mamma (però mi lamentavo se era una cozza). Riesco ancora a lavorare con lui sotto le gambe ma quando aumenterà il lavoro lo porterò subito (il lavoro mi porta via la maggior parte della giornata ed è aumentato di  mesi ma della ludoteca nemmeno a parlarne).

Continue Reading

cornice-battesimo-sonounamamma
Parole di mamma, Vita da mamma

Ti auguro tempo, tanto tempo felice

La dedica di una madre, quella di donare a suo figlio il tempo, tanto tempo felice.

Durante il battesimo di Francesco ho organizzato un piccolo gioco. Vicino alla torta ho disposto una cornice in legno in cui chiunque poteva attaccare un pensiero come ricordo di quella giornata speciale. Penna, bigliettini e mollette erano a disposizione per esprimere l’emozione di un attimo.

Continue Reading

mattina-mamme-e-figli
Parole di mamma, Vita da mamma

Una mattinata tra mamme e figli

Ieri con le ragazze del gruppo pre parto abbiamo fatto un incontro tra mamme e figli per far incontrare i nostri pargoli. È bastato un appuntamento in un bar spazioso, una bella giornata autunnale e tanta voglia di vedersi tutte insieme. Al resto ci hanno pensato i nostri bimbi, che con i loro occhioni furbi hanno iniziato a scrutare l’ambiente e a conoscersi a modo loro. Chi con un sorriso, chi con un timido approccio e una stretta di manina, chi con lo sguardo attento.

Continue Reading