Non sono una mamma di maschi
Parole di mamma, Vita da mamma

Non sono una mamma di maschi: ecco perché

Fra poco  arriva il mio secondo figlio, anche lui maschietto, ma non mi sento una mamma di maschi. Sono una mamma che desiderava tanto una femminuccia e non se ne vergogna di ammetterlo. Che ancora oggi entra nei negozi e guarda vestiti per bambine ma senza amare il celeste e il rosa. Ho sempre preferito i colori, tutti i colori, soprattutto quelli che non si usano di solito per i bimbi.

Un po’ fuori dalle righe in tanti contesti, amo i miei figli a prescindere dal sesso, vedo i maschietti non in base a uno stereotipo ma per quello che sono dalla nascita, per il loro carattere. Francesco coccolone e bacione a ogni secondo, monello da impegnarti 12 ore no stop, furbo, creativo, osservatore e curioso. Non so come sarà il carattere del secondo bambino che arriverà a settembre ma so che a prescindere dal fatto che non sia la femminuccia che desideravo, sarà riempito di tanto amore.

Continue Reading

lavorare in gravidanza fino al nono mese
Gravidanza, Terzo Trimestre

Perché finirò a lavorare in gravidanza fino al nono mese

Nel momento in cui ho scoperto di essere in dolce attesa ho fatto due promesse:

  • continuare a lavorare in gravidanza
  • Godermi il periodo di maternità dell’ultimo mese

Pensavo di farcela, di non dover lavorare in gravidanza fino al nono mese, presentare la domanda per andare in maternità e poi vivere gli ultimi due mesi prima del parto pensando solo alla pancia e al relax.  Pensavo di farcela e invece quella domanda non l’ho inviata e l’idea di riposarmi sta scemando di giorno in giorno.

Continue Reading

Le emozioni del corso preparto in ospedale a Siracusa
Gravidanza, Secondo Trimestre

Nuova gravidanza, nuovo corso preparto in ospedale a Siracusa

I primi mesi di gravidanza non pensavo al corso preparto. Sapevo di averlo già fatto tre anni fa, sapevo che non lo organizzavano più nel paese in cui vivo e nel caso dovevo viaggiare.

Con il passare dei giorni mi sono chiesta perché avrei dovuto frequentarlo per la seconda volta, che cosa avrei potuto imparare. Mi sembrava un impegno in più, da sommarsi a tutte le cose da fare. Un lavoro da gestire con la pancia e un bambino in piena fase capricci, clienti che vogliono sempre le consegne per ieri. Frequentare il corso intensivo di copywriting pubblicitario che sto seguendo da marzo. E cucinare, stirare i panni in casa che da qualche mese si sono magicamente triplicati, pulire, giocare con Francesco e ascoltare tutte le sue richieste.

Continue Reading

giochi per stimolare la fantasia dei bambini
Baby shopping

I giochi utili per stimolare la fantasia dei bambini

Sono stata fortunata: a Francesco piace giocare con tutto. Ogni gioco acquistato o regalato l’ha usato per tempo e ancora oggi si diverte con quei giocattoli ricevuti quando aveva 6 mesi.
Ha imparato a trattarli bene, a prendersi cura di loro e a metterli ognuno in una posizione della casa. Come ogni bambino, però, anche lui ha i suoi giochi preferiti, ossia ogni oggetto che si muove e ha le ruote.  Trenini, macchine di ogni tipo, mezzi di trasporto leggeri e pesanti. In casa abbiamo la gru, l’auto cisterna, il camion dei pompieri, l’escavatore, garage e parcheggi e ogni diavoleria del cartone Cars, di cui lui è un grande fan.

Continue Reading

festa di compleanno di 3 anni
Parole di mamma, Vita da mamma

Una festa di compleanno di 3 anni di colori e pois

Quel giorno sapevo che sarebbe nato. Me lo ripetevano da un mese ma la frase della ginecologa non la potrò mai dimenticare.

Non si allontani da Siracusa e ritorni per ogni dolore.

Avevo capito che era arrivato il momento, perché anche se da un mese mi parlavano di una nascita pre termine, questa volta c’era stata più chiarezza. Avrei partorito quel giorno o al massimo l’indomani ed ero pronta. Sono tornata a casa anziché restare nei paraggi. Mi sono rinfrescata e riposata e ho ascoltato in silenzio le paranoie di mia madre e mio marito che volevano ritornare in ospedale per ogni dolorino.
Mi sono fatta accompagnare in un negozio per farmi un regalo di buon augurio e ho aspettato. Alle 21:30 ho rotto le acque e dopo poco è nato Francesco.

Continue Reading

Scoprire il sesso con la visita morfologica
Gravidanza, Secondo Trimestre

La visita morfologica e un nuovo capitolo della mia gravidanza

Abbiamo fatto la visita morfologica e la notte non ho dormito. La mia  ginecologa mi aveva anticipato il sesso del nuovo baby in famiglia – un altro maschietto – ma voleva che la conferma arrivasse con l’esame ufficiale. Io ho sperato fino alla fine che fosse femmina e anche se avevo capito, questo esame mi serviva dal punto di vista psicologico per averne la certezza. Sapevo che solo da quel giorno avrei sentito, chiamato, riconosciuto mio figlio come un maschio. Che avrei pensato a un LUI da coccolare, senza più dubbi.

Continue Reading